Desideri un programma personalizzato di Chitarra che ti renda un abile chitarrista a tempo Zero e avere una mappa dettagliata per avere successo con la Chitarra da oggi in avanti? 


Bene, ecco la tua occasione. Trascorrerò un mese intero con te e ti fornirò tutti gli strumenti per suonare la Chitarra al massimo delle tue potenzialità, improvvisare, creare il tuo repertorio musicale e arpeggiare o accompagnare le tue musiche preferite. Leggi le testimonianze di alcuni dei miei allievi e contattami per la tua Prima Sessione Strategica Gratuita. 




Testimonianze


Iniziai lo studio della chitarra classica da solo, ma dopo poco tempo mi ero arenato senza poter progredire. Con le lezioni di Davide Esposito ho conosciuto un supporto allo studio della chitarra e della musica che non immaginavo si potesse avere online! E ho scoperto un maestro capace di coinvolgere anche la mente più pigra e la mano più stanca nel produrre non suoni e sonorità bensì: MUSICA. Non è tardi per riprendere un vecchio progetto o un sogno lasciato nel cassetto per troppo tempo (come ho fatto io). Si può sognare di suonare la chitarra oppure vivere il sogno.

[Gianfranco Iasiello - Ingegnere]




Sono un pasticcere di 50 anni e il mio lavoro mi tiene impegnato parecchio. Ho sempre sognato di saper suonare la chitarra. Due anni fa, grazie alle Lezioni di Chitarra Online di Davide Esposito sono entrato in contatto diretto con un vero professionista. Oggi riesco a suonare i pezzi che ho sempre sognato come "Giochi Proibiti" "La Bourèe", "La Cavatina" e "Feste Lariane".

[Simone Maglia - Pasticcere]








Le Lezioni di Chitarra Online di Davide Esposito sono una vera e propria svolta: oltre a perfezionarti e migliorarti in davvero poco tempo, ti permettono di avere costantemente sotto mano un vero e proprio repertorio da esibire in qualunque momento!

Davide è un professionista e sa cosa ti serve per migliorare davvero! OTTIMO!

[Davide Buonanno - Chitarrista]








Seguito dal Chitarrista classico Davide Esposito, apprendo con facilita tecniche e musica. Con i piccoli accorgimenti e suggerimenti che mi trasmette riesco a migliorarmi giorno per giorno. La professionalità e la capacita di suonare e di insegnare  lo strumento da parte di Davide, sono fuori discussione. Si lavora su tecniche di arpeggi, parte solista ed accordi con la massima tranquillità. Porgo un grosso saluto a tutti, con l'augurio di buone lezioni.

[Stefano Murgia - Vigile del Fuoco]






Allora, iniziamo? Clicca qui sotto e richiedi la Tua Sessione Strategica Gratuita



giovedì 18 novembre 2010

Cedro o Abete?

I chitarristi, ma non solo, anche i liutai, discutono spesso sul fatto se sia "meglio" una chitarra con tavola in abete o con tavola in cedro.


Io personalmente suono con una chitarra di liuteria, una Raspagni del 1998 con tavola in cedro; ma questo non vuol dire che il cedro sia meglio dell'abete...


Il punto è che entrambi i legni presentano determinate caratteristiche ed esigenze e richiedono diverse incatenature: il resto è solo una questione di gusti e di stile.


La prima differenza che riscontriamo è sicuramente quella del colore: l'abete è un legno molto più chiaro rispetto al cedro, la cui massa ha una tonalità decisamente più rossastra.


Queste differenze estetiche, del resto, si rispecchiano anche nelle loro voci. L'abete ha dei colori più brillanti, un timbro ben definito e la sua sonorità è molto diretta.


Il timbro del cedro è morbido e caldo. Presenta una massa più leggera e quindi ha una resistenza meccanica inferiore e minore propagazione; per questo viene spesso detto che se cerchiamo una chitarra potente, la nostra scelta dovrebbe aggirarsi intorno a strmuenti con tavola in abete.


Ma questo è vero solo in parte: d'esempio sono le chitarre del liutaio Andrea Tacchi, che pur presentando la tavola in cedro, sono delle ottime chitarre da concerto e non mancano affatto di volume.


I migliori risultati dipendono in lunga parte dalle incatenature, dal disegno della chitarra, dalla sua struttura generale che dev'essere posta in relazione alla scelta del legno.


Da qui in poi è più un discorso di liuteria. A noi chitarristi spetta il compito principale di provare, di suonare più chitarre possibili e col tempo accorgerci di come ognuna di esse presenti caratteristiche ben diverse.


A fare di una chitarra una GRANDE CHITARRA non è la scelta dell'abete o del cedro, ma il suo stato generale e la sua struttura interna, e ovviamente, neanche a dirlo, la mano di un buon chitarrista :-)

5 commenti:

  1. Quanto costa una buona chitarra di liuteria?grazie
    caccamo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende dal liutaio e dalla qualità del legno e della lavorazione. Può venire 1.000 euro come oltre i 5.000

      Elimina
  2. ciao... ho una classica yamaha cg 120 A.. suono da qualche anno autodidatta.. credo che potrei passare a qualcosa di piu sfizioso.. che corde mi consigli di montare? grazie Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu puoi provare le Hannabach. Vanno sempre bene! Buona Musica!

      Elimina

I commenti volgari, offensivi o SPAM non verranno pubblicati.