venerdì 17 dicembre 2010

Corde per Chitarra Classica

Molti chitarristi alle prime armi, quando devono comprare una muta di corde per chitarra classica, non sempre hanno le idee molto chiare. Tensione forte o bassa? Hannabach o D'addario? Nylon o metallo?


Come scegliere le corde per il proprio strumento???


Bè non è facile, davvero... E anche un chitarrista professionista talvolta ha bisogno di provare molti modelli prima di trovare le sue corde ideali, e a volte neppure le trova, e se le trova può capitare che piacciano a lui, ma non alla sua chitarra. :-)


I motivi sono essenzialmete due:


  1. Bisogna trovare delle corde adatte alle proprie dita, alla propria impostazione tecnica e al proprio gusto personale.
  2. Bisogna trovare delle corde adatte alla propria chitarra.
Inizialmente consiglio di suonare con corde a BASSA o MEDIA tensione per non affaticare troppo la mano.


Successivamente, quando cominiciano a comparire i primi "calletti" nei polpastrelli e le dita si stanno irrobustendo, possiamo cominciare a provare quelle ad ALTA tensione che sono chiaramente un po' dure alla pressione, ma mettono più facilmente in vibrazione la cassa armonica della chitarra.


Ora veniamo al punto 2. Ogni chitarra necessita di un particolare tipo di corde. Le corde per chitarra classica possono essere costruite in nylon, in carbonio, in titanio o addirittura, anche se ormai poco usate, in budello. Ogni marca ha determinate caratteristiche. Dipende dal tipo di tavola, dalla sonorità e se è ricca o meno di armoniche. Per questo è sempre meglio provare diversi modelli tra quelli presenti nel mercato; non accontentarti di quelle consigliate dagli amici o dall'insegnante; bisogna essere curiosi, sperimentare in continuazione. Ricordati che un musicista è innanzitutto un artista!


Per esempio alcuni chitarristi, me compreso, sono soliti montare i bassi di una marca e i cantini di un'altra a seconda del suono desiderato, spesso per un fattore di gusto.


Soffermarmi su ogni tipo di corda è forse troppo azzardato, ma intanto ti elenco quelle più usate.


Le D'Addario Pro Artè sono economiche e resitenti e all'inizio vanno più che bene.
Di migliore qualià sono le D'Addario EJ46C e le Augustin Imperial.
Esistono poi marche più prestigiose come le Hannabach che sono tra le più usate, le Savarez Alliance e le Corum Savarez Alliance, le Pyramid o le bellissime Aquila, un po' care ma di grande qualità, o anche le Alchemia; sono poi bellissimi i cantini della Pirazzi o delle Hannabach Carbon.


L'elenco può andare avanti per ore, ma ora sarebbe inutile. Ciò che conta è provarle e sentire come siano diverse le une dalle altre, sia al tocco che a livello acustico.


Non commettere l'errore di valutare la qualità delle corde in base al prezzo. Spesso può essere è vero, ma non è una regola affidabile.

7 commenti:

  1. Ho sentito parlare di corde per chitarra classica, rivestite di un sottile strato di goretex che le preserva dall'ossidazione allungandone la durata, cosa ne pensi? Sul web però non le ho trovate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il suono prima di tutto. Non le ho mai provate, non saprei darti un‘opinione in merito

      Elimina
  2. Un consiglio:secondo te per il suono sono meglio le d'addario prò artè HARD o NORMAL tension??
    grazie per la pazienza...Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende anzitutto dalla chitarra su cui le monti. Le HARD spingono molto di più ma se la chitarra non le regge o è comunque caratterizata da un suono più profondo e meno diretto, a volte è meglio montare delle corde LOW tension.

      Elimina
  3. Buongiorno,
    vorrei un parere sulle corde per chitarra classica di nylon (tutte e sei di nylon semplice, non rivestite di nessun metallo). Mi dicono che siano più adatte ai principianti perché più gentili con le dita, ma non le ho mai viste in commercio e non saprei cosa comprare.
    Grazie, Furio

    RispondiElimina
  4. I bassi sono sempre un po' più robusti. Chiedi al tuo negoziante una muta di corde per classica a bassa tensione. All inizio va bene una qualunque marca economica

    RispondiElimina
  5. Non sapevo che esistessero corde non rivestite di metallo, credevo che le ultime fossero sempre rivestite.

    RispondiElimina

I commenti volgari, offensivi o SPAM non verranno pubblicati.