lunedì 17 gennaio 2011

Come si produce il suono nella chitarra?

Percuotendo una corda tesa fra 2 estremità, essa produce una serie di vibrazioni che, sfruttando la conduzione dell'aria, si trasformano in onde sonore.

La corda di una chitarra è arrotolata da una parte intorno alla "chiavetta" corrispondente e dall'altra a un elemento chiamato "ponticello", la cui funzione è quella di trasferire la vibrazione della corda alla tavola armonica, ossia alla parte superiore della chitarra.

La tavola è ben saldata a tutte le altre parti della chitarra, tanto che più la chitarra è "di qualità", più le vibrazioni si espanderanno su tutto lo strumento e in modo omogeneo.

Il ruolo della tavola è di fondamentale importanza, in quanto contribuisce a quello che è il "timbro", il colore della chitarra. 

La potenza del suono dipenderà invece da diversi fattori, tra cui la qualità del legno utilizzato e l'uniformità delle fibre al suo interno, lo spessore della  cassa armonica, il disegno interno dello strumento, la vernice utilizzata e diversi altri elementi. I migliori liutai, nel costruire le chitarre, devono prestare non poca attenzione a questi e ad altri particolari.

In conclusione, possiamo dire che non è assolutamente difficile far "suonare" una chitarra, in quanto è una questione di "fisica". E' anzi addirittura inevitabile che il suono si produca. Ma molto più difficile è fare in modo che il suono risulti piacevole. 

Problema questo che coinvolge non solo i liutai, ma anche gli stessi chitarristi. Entrambi dovranno usare al meglio, anche se in maniera sostanzialmente diversa, la loro sensibilità, la loro tecnica e la loro esperienza.



http://cs-comunicatistampa.blogspot.com/

0 note:

Posta un commento

I commenti volgari, offensivi o SPAM non verranno pubblicati.