Desideri un programma personalizzato di Chitarra che ti renda un abile chitarrista a tempo Zero e avere una mappa dettagliata per avere successo con la Chitarra da oggi in avanti? 


Bene, ecco la tua occasione. Trascorrerò un mese intero con te e ti fornirò tutti gli strumenti per suonare la Chitarra al massimo delle tue potenzialità, improvvisare, creare il tuo repertorio musicale e arpeggiare o accompagnare le tue musiche preferite. Leggi le testimonianze di alcuni dei miei allievi e contattami per la tua Prima Sessione Strategica Gratuita. 




Testimonianze


Iniziai lo studio della chitarra classica da solo, ma dopo poco tempo mi ero arenato senza poter progredire. Con le lezioni di Davide Esposito ho conosciuto un supporto allo studio della chitarra e della musica che non immaginavo si potesse avere online! E ho scoperto un maestro capace di coinvolgere anche la mente più pigra e la mano più stanca nel produrre non suoni e sonorità bensì: MUSICA. Non è tardi per riprendere un vecchio progetto o un sogno lasciato nel cassetto per troppo tempo (come ho fatto io). Si può sognare di suonare la chitarra oppure vivere il sogno.

[Gianfranco Iasiello - Ingegnere]




Sono un pasticcere di 50 anni e il mio lavoro mi tiene impegnato parecchio. Ho sempre sognato di saper suonare la chitarra. Due anni fa, grazie alle Lezioni di Chitarra Online di Davide Esposito sono entrato in contatto diretto con un vero professionista. Oggi riesco a suonare i pezzi che ho sempre sognato come "Giochi Proibiti" "La Bourèe", "La Cavatina" e "Feste Lariane".

[Simone Maglia - Pasticcere]








Le Lezioni di Chitarra Online di Davide Esposito sono una vera e propria svolta: oltre a perfezionarti e migliorarti in davvero poco tempo, ti permettono di avere costantemente sotto mano un vero e proprio repertorio da esibire in qualunque momento!

Davide è un professionista e sa cosa ti serve per migliorare davvero! OTTIMO!

[Davide Buonanno - Chitarrista]








Seguito dal Chitarrista classico Davide Esposito, apprendo con facilita tecniche e musica. Con i piccoli accorgimenti e suggerimenti che mi trasmette riesco a migliorarmi giorno per giorno. La professionalità e la capacita di suonare e di insegnare  lo strumento da parte di Davide, sono fuori discussione. Si lavora su tecniche di arpeggi, parte solista ed accordi con la massima tranquillità. Porgo un grosso saluto a tutti, con l'augurio di buone lezioni.

[Stefano Murgia - Vigile del Fuoco]






Allora, iniziamo? Clicca qui sotto e richiedi la Tua Sessione Strategica Gratuita



sabato 29 gennaio 2011

Le Unghie del Chitarrista - 2^ parte

Ora parliamo un po' di manicure! Come prendersi cura delle proprie unghie?


Ogni buon chitarrista che si rispetti dovrebbe dare non poca attenzione alle proprie unghie. Intanto iniziamo parliamo di lunghezza. Nel post precedente ho descritto di come possa cambiare il suono a seconda della lunghezza delle nostre unghie. 


Entrerò maggiormente nel dettaglio: premettendo che la lunghezza dell'unghia sia un fattore soggettivo, e corrisponde anche alla forma del dito e al suo appoggio alla corda, un'unghia troppo lunga rischia di produrre un effetto di sporcizia del suono e talvolta, nonostante lo scopo sia quello di facilitare le scale e l'uso del tremolo, rischia di vanificare i nostri sforzi..


E' quindi indispensabile trovare una lunghezza che ci permetta il massimo delle nostre prestazioni e allo stesso tempo mantenga il suono piacevole. Anche nel flamenco, dove la sporcizia talvolta è addirittura "ricercata" in un certo senso, si tratta pur sempre di una sporcizia NON casuale.

 

Qual è la lunghezza di unghie ideale?


E' interessante mettersi alla prova con diverse lunghezze, ma non è mai consigliabile esagerare, specialmente all'inizio. 

 

Per chi inizia a cimentarsi con i primi brani classici o anche flamenco, è bene rispettare uno standard di 2 millimetri per unghia, a eccezione del pollice che può arrivare anche a 4 millimetri.


Personalmente ho notato che limare l'unghia del dito medio e quindi accorciarla leggermente di più rispetto alle altre dita, rende il tocco alternato delle dita più omogeneo. Questo accade poichè le dita non hanno tutte la stessa lunghezza, quindi anche il loro appoggio sulle corde della chitarra risulterà diverso. 

 

Questo è anche il motivo per cui anche la forma dovrà essere leggermente diversa. Essa risponderà direttamente al tipo di impostazione che le dita assumeranno rispetto alle corde. Ad ogni modo è di comune accordo che la forma di ogni unghia non dovrà essere quadrata, nè dovrà comprendere spigoli o seghettature.


Risulta essenziale l'angolatura. Dobbiamo considerare che l'attacco del pollice sulla corda corrisponde all'angolo esterno, mentre le altre dita avranno un attacco sulla parte interna del dito. La zona dell'unghia che verrà portata a contatto con la corda, dovrà essere ben limata e arrotondata.


Per limare le unghie, consiglio di usare la tradizionale lima per unghie solo in una prima fase. La sola lima rende le nostre unghie troppo ruvide e il suono risulta "grattato". Piuttosto è preferibile usare successivamente, e subito prima di suonare, una carta abrasiva p600 o p800; questo renderà le unghie più lisce e il contatto con le corde risulterà più leggero.

 

Concludo citando una frase di un grande didatta e autore Mauro Storti:  

 

"L'unghia è un prezioso amplificatore di quella sensibilità digitale, particolarmente sviluppata nelle mani chiamate ad eseguire lavori precisi e delicati".



2 commenti:

  1. Ciao Davide,
    Bell'articolo!
    Io suono la chitarra classica da quasi un anno ormai, ma non sono mai riuscito ad avere delle belle unghie, o semplicemente delle unghie lunghe: le mie infatti, si spezzano e sfaldano molto facilmente (anche con uno smalto indurente).
    Cosa mi consigli?

    RispondiElimina
  2. Ciao Francesco,
    Bene, il mio consiglio dà per scontato che tu voglia comunque farti crescere le unghie.

    Quindi, se con uno smalto indurente la situazione non cambia (consiglio quello della Mavala), alternalo a un frizionamento dell'unghia con dell'olio di oliva lasciando che questo penetri bene a fondo.

    I problemi delle unghie spesso sono anche riconducibili a carenze dell'alimentazione.

    Devi assumere una certa quantità di:

    -Silicio: cereali, cipolle e aglio

    -Zinco: pesce, uova, latticini, riso e legumi

    Spero di averti aiutato.

    Fammi sapere se la situazione migliora.

    Ciao.

    RispondiElimina

I commenti volgari, offensivi o SPAM non verranno pubblicati.