Desideri un programma personalizzato di Chitarra che ti renda un abile chitarrista a tempo Zero e avere una mappa dettagliata per avere successo con la Chitarra da oggi in avanti? 


Bene, ecco la tua occasione. Trascorrerò un mese intero con te e ti fornirò tutti gli strumenti per suonare la Chitarra al massimo delle tue potenzialità, improvvisare, creare il tuo repertorio musicale e arpeggiare o accompagnare le tue musiche preferite. Leggi le testimonianze di alcuni dei miei allievi e contattami per la tua Prima Sessione Strategica Gratuita. 




Testimonianze


Iniziai lo studio della chitarra classica da solo, ma dopo poco tempo mi ero arenato senza poter progredire. Con le lezioni di Davide Esposito ho conosciuto un supporto allo studio della chitarra e della musica che non immaginavo si potesse avere online! E ho scoperto un maestro capace di coinvolgere anche la mente più pigra e la mano più stanca nel produrre non suoni e sonorità bensì: MUSICA. Non è tardi per riprendere un vecchio progetto o un sogno lasciato nel cassetto per troppo tempo (come ho fatto io). Si può sognare di suonare la chitarra oppure vivere il sogno.

[Gianfranco Iasiello - Ingegnere]




Sono un pasticcere di 50 anni e il mio lavoro mi tiene impegnato parecchio. Ho sempre sognato di saper suonare la chitarra. Due anni fa, grazie alle Lezioni di Chitarra Online di Davide Esposito sono entrato in contatto diretto con un vero professionista. Oggi riesco a suonare i pezzi che ho sempre sognato come "Giochi Proibiti" "La Bourèe", "La Cavatina" e "Feste Lariane".

[Simone Maglia - Pasticcere]








Le Lezioni di Chitarra Online di Davide Esposito sono una vera e propria svolta: oltre a perfezionarti e migliorarti in davvero poco tempo, ti permettono di avere costantemente sotto mano un vero e proprio repertorio da esibire in qualunque momento!

Davide è un professionista e sa cosa ti serve per migliorare davvero! OTTIMO!

[Davide Buonanno - Chitarrista]








Seguito dal Chitarrista classico Davide Esposito, apprendo con facilita tecniche e musica. Con i piccoli accorgimenti e suggerimenti che mi trasmette riesco a migliorarmi giorno per giorno. La professionalità e la capacita di suonare e di insegnare  lo strumento da parte di Davide, sono fuori discussione. Si lavora su tecniche di arpeggi, parte solista ed accordi con la massima tranquillità. Porgo un grosso saluto a tutti, con l'augurio di buone lezioni.

[Stefano Murgia - Vigile del Fuoco]






Allora, iniziamo? Clicca qui sotto e richiedi la Tua Sessione Strategica Gratuita



domenica 6 marzo 2011

La tecnica del Barrè

La tecnica del Barrè consiste nel premere più corde contemporaneamente, come puoi vedere dalla foto, generalmente con il primo dito, ma talvolta, anche se raramente e solo per barrè piccoli, ossia di 2 o 3 corde, può capitare di dover utilizzare il terzo dito. 


Si tratta di una tecnica di NON facile esecuzione. Questo è risaputo. Anzi spesso può portare il chitarrista principiante a demoralizzarsi.


Il consiglio che viene dato a chi intende approcciarsi al barrè è quello di esercitarsi il più possibile, di insistere e di non arrendersi, perché prima o poi i risultati arriveranno! E' verissimo! L'esercizio è tutto... E non puoi neppure aspettarti di riuscire a eseguirlo alla prima senza alcuna sbavatura e senza un minimo di fatica.


Sono richieste diverse settimane, o talvolta anche meno, per abituare la muscolatura della mano all'esecuzione del barrè e successivamente agli accordi in barrè, e ancora più tardi al passare armoniosamente da un accordo in barrè a un accordo aperto.


Ma è ancora più importante che il costante esercizio sia corretto e ben approfondito, per evitare di dover tornare indietro successivamente sui punti non considerati all'inizio (esperienza personale).


Voglio renderti ora partecipe di una lezione sul barrè della scorsa settimana a un mio allievo. Si chiama Cesare. Lui è uno dei pochi casi fortunati che già dall'inizio riesce a premere e suonare tutte le corde senza che nessuna risulti tappata! Lì per lì la sua (e la mia) grande soddisfazione impediva di notare alcuni piccoli dettagli da rifinire.


Il barrè di Cesare poteva andare bene. Anzi proprio per questo lui parte effettivamente da una situazione molto avvantaggiata rispetto alla media. 


Avrei potuto non dirgli nulla e insegnarli subito un bel Fa maggiore (accordo con barrè al primo tasto), ma ho ritenuto più opportuno rimandare in un secondo momento per perfezionare la posizione della mano sinistra.


Ciò che distingue un barrè ben fatto da un barrè "arrangiato" NON è, come si suole pensare, il solo fatto di riuscire a suonare tutte le corde premute. Non si tratta quindi solo di un aspetto acustico, ma anche visivo per l'insegnante e tattile per lo studente.


La capacità che dobbiamo acquisire è quella di isolare le dita e sentirle una per una.


Non appena chiesi a Cesare di "distanziare" le dita dall'indice e muoverle in scioltezza, il barrè non suonava più... Risultarono tappate la quarta, la terza e la seconda corda.


Il barrè viene studiato con fin troppa superficialità e spesso ci si accontenta di far suonare le 6 corde o addirittura soltanto 4 o 5 di esse (tanto si dice che solo alcune di queste vanno suonate...). E la conseguenza è ovviamente quella di impostare la mano in modo piuttosto dilettantistico.


Lo scopo del barrè non deve limitarsi alla sola "costruzione degli accordi", ma anche alla loro naturale successione. Per questo le altre dita devono essere libere di muoversi tra le corde, mentre l'indice e il pollice rimangono ANCORATI alla tastiera.


Ciò implica che, una volta acquisita la tecnica del barrè, potremo utilizzarlo attraverso esercizi avanzati che tenderanno a sviluppare una maggior consapevolezza della mano, oltre che un incremento della resistenza muscolare.


Nel mini e-book che trovi qui sotto "Il barrè che non ti è mai stato insegnato" ho deciso di esporre gli errori più comuni e i principali punti da prendere in considerazione per un'ottima esecuzione del barrè


Mi rivolgo in particolar modo a chi sta suonando i primi giri armonici privi di barrè e vuole/può iniziare a imparare questa tecnica, ma anche a chi esegue già il barrè e vuole verificare che stia facendo tutto nel modo giusto.


Detto questo, ti prego di esercitarti quanto possibile, e, una volta che non avrai più problemi nell'esecuzione, di tornare su questi punti per assicurarti di non tralasciare nulla. Solo allora potrai accedere agli esercizi più avanzati.


Lascia ora i tuoi dati qui sotto e scarica il tuo report gratuito!
















 

Scarica subito GRATIS

"Il barrè che non ti è mai stato insegnato"

scopri ora i segreti per una corretta esecuzione








0 note:

Posta un commento

I commenti volgari, offensivi o SPAM non verranno pubblicati.