Desideri un programma personalizzato di Chitarra che ti renda un abile chitarrista a tempo Zero e avere una mappa dettagliata per avere successo con la Chitarra da oggi in avanti? 


Bene, ecco la tua occasione. Trascorrerò un mese intero con te e ti fornirò tutti gli strumenti per suonare la Chitarra al massimo delle tue potenzialità, improvvisare, creare il tuo repertorio musicale e arpeggiare o accompagnare le tue musiche preferite. Leggi le testimonianze di alcuni dei miei allievi e contattami per la tua Prima Sessione Strategica Gratuita. 




Testimonianze


Iniziai lo studio della chitarra classica da solo, ma dopo poco tempo mi ero arenato senza poter progredire. Con le lezioni di Davide Esposito ho conosciuto un supporto allo studio della chitarra e della musica che non immaginavo si potesse avere online! E ho scoperto un maestro capace di coinvolgere anche la mente più pigra e la mano più stanca nel produrre non suoni e sonorità bensì: MUSICA. Non è tardi per riprendere un vecchio progetto o un sogno lasciato nel cassetto per troppo tempo (come ho fatto io). Si può sognare di suonare la chitarra oppure vivere il sogno.

[Gianfranco Iasiello - Ingegnere]




Sono un pasticcere di 50 anni e il mio lavoro mi tiene impegnato parecchio. Ho sempre sognato di saper suonare la chitarra. Due anni fa, grazie alle Lezioni di Chitarra Online di Davide Esposito sono entrato in contatto diretto con un vero professionista. Oggi riesco a suonare i pezzi che ho sempre sognato come "Giochi Proibiti" "La Bourèe", "La Cavatina" e "Feste Lariane".

[Simone Maglia - Pasticcere]








Le Lezioni di Chitarra Online di Davide Esposito sono una vera e propria svolta: oltre a perfezionarti e migliorarti in davvero poco tempo, ti permettono di avere costantemente sotto mano un vero e proprio repertorio da esibire in qualunque momento!

Davide è un professionista e sa cosa ti serve per migliorare davvero! OTTIMO!

[Davide Buonanno - Chitarrista]








Seguito dal Chitarrista classico Davide Esposito, apprendo con facilita tecniche e musica. Con i piccoli accorgimenti e suggerimenti che mi trasmette riesco a migliorarmi giorno per giorno. La professionalità e la capacita di suonare e di insegnare  lo strumento da parte di Davide, sono fuori discussione. Si lavora su tecniche di arpeggi, parte solista ed accordi con la massima tranquillità. Porgo un grosso saluto a tutti, con l'augurio di buone lezioni.

[Stefano Murgia - Vigile del Fuoco]






Allora, iniziamo? Clicca qui sotto e richiedi la Tua Sessione Strategica Gratuita



sabato 23 aprile 2011

Il tocco del chitarrista

Nel video sull'impostazione che puoi scaricare gratuitamente su questo blog, ho introdotto anche la posizione della mano destra.


Ora voglio però soffermarmi sul "tocco" della mano destra sulle corde singole. Ogni chitarrista ha il proprio tocco che lo contraddistingue e proprie caratteristiche fisiche.


In base a queste, possono verificarsi alcune differenze di approccio allo strumento. Ad esempio per chi è di bassa statura il braccio destro si appoggerà al corpo della chitarra più verso il gomito, mentre, per una persona molto alta, il punto di appoggio sarà più prossimo al polso. 


Ora, vista la posizione che la mano destra dovrà assumere rispetto alle corde, vediamo come queste vengono messe in vibrazione.


Tale azione consiste in 2 fasi ben precise che il didatta Mauro Storti definisce: una fase di tensione nel momento in cui sollecitiamo la corda, e una fase di sganciamento del dito dalla corda, in cui quest'ultima inizia a vibrare emettendo quindi la nota.


La fase di tensione avviene in 2 modi: per spinta o per trazione, in base alla direzione della nostra forza. La "spinta" ha luogo sollecitando la corda in direzione del piano armonico (tavola), mentre la "trazione" avviene  pizzicando la corda con un dito in direzione opposta.


Normalmente, salvo determinate indicazioni, il punto di contatto con la corda avviene con la parte interna dell'unghia, per cui l'indice, il medio e l'anulare spingeranno la corda verso l'alto, mentre il pollice agirà verso il basso.


Anche la fase di sganciamento avviene in 2 modi: 
  • In direzione del piano armonico, appoggiando il dito alla corda vicina.
  • Con l'allontanamento del dito dalla corda. ATTENZIONE: è importante non muovere la mano, ma limitarsi a fare leva sulla falange.
Di conseguenza avremo 3 tipi di tocco:
  1. Tocco volante (o libero)
  2. Tocco appoggiato
  3. Tocco teso
Il tocco volante inizia con una prima fase di "trazione" e una successiva fase di sganciamento verso l'esterno. Questo a seconda della forza con cui sollecitiamo la corda può dare origine a un suono piuttosto delicato, povero di armoniche e poco sonoro, o a un effetto "strappato" utilizzato solo occasionalmente.

Il tocco appoggiato è molto utilizzato sia in velocità che per ottenere note particolarmente chiare o sonore. Nella prima fase il dito "spinge" la corda verso il piano armonico, e successivamente si conclude appoggiando il dito alla corda vicina.

Il tocco teso (termine, anche questo coniato da Mauro Storti) è una via di mezzo tra i 2. Spingendo la corda amplifichiamo le vibrazioni all'interno della cassa armonica, e rilasciando il dito senza appoggiarlo alla corda vicina ci permette un maggior controllo sulla chitarra, in quanto il dito è ancora libero di muoversi.

Nella chitarra classica esistono molti modi di utilizzare le dita della mano destra, e ogni modo ha una sua collocazione ben precisa. Conoscere la tecnica e metterla in pratica è un qualcosa di ben lontano dal "tecnicismo" e dalla regola sofisticata. Si tratta semplicemente di avere le armi migliori per ottenere gli effetti sonori che abbiamo nella mente.

1 commento:

  1. E' proprio vero, Davide, che "tecnica" non è "tecnicismo", anzi: è proprio il contrario.

    Conoscere la tecnica aiuta a suonare in modo più consapevole ogni singola nota e aiuta a trovare un tipo di suono diverso per ogni nostra esigenza.

    Anche la stessa "impostazione" del dito (attacco più laterale o più frontale nei confronti della corda) ci puo' dare un suono più nasale o un suono più scuro.

    Se poi uniamo l'attacco (e quindi questa 'impostazione' più o meno laterale) al rilascio (tocco libero, appoggiato o teso), alla posizione della mano sulla chitarra (più vicina al ponticello, o sulla buca o più spostata verso il XII tasto), ecco qui che le possibilità di suono sono veramente ... infinite.

    Grazie
    Ciao
    Barbara Polacchi

    RispondiElimina

I commenti volgari, offensivi o SPAM non verranno pubblicati.