Desideri un programma personalizzato di Chitarra che ti renda un abile chitarrista a tempo Zero e avere una mappa dettagliata per avere successo con la Chitarra da oggi in avanti? 


Bene, ecco la tua occasione. Trascorrerò un mese intero con te e ti fornirò tutti gli strumenti per suonare la Chitarra al massimo delle tue potenzialità, improvvisare, creare il tuo repertorio musicale e arpeggiare o accompagnare le tue musiche preferite. Leggi le testimonianze di alcuni dei miei allievi e contattami per la tua Prima Sessione Strategica Gratuita. 




Testimonianze


Iniziai lo studio della chitarra classica da solo, ma dopo poco tempo mi ero arenato senza poter progredire. Con le lezioni di Davide Esposito ho conosciuto un supporto allo studio della chitarra e della musica che non immaginavo si potesse avere online! E ho scoperto un maestro capace di coinvolgere anche la mente più pigra e la mano più stanca nel produrre non suoni e sonorità bensì: MUSICA. Non è tardi per riprendere un vecchio progetto o un sogno lasciato nel cassetto per troppo tempo (come ho fatto io). Si può sognare di suonare la chitarra oppure vivere il sogno.

[Gianfranco Iasiello - Ingegnere]




Sono un pasticcere di 50 anni e il mio lavoro mi tiene impegnato parecchio. Ho sempre sognato di saper suonare la chitarra. Due anni fa, grazie alle Lezioni di Chitarra Online di Davide Esposito sono entrato in contatto diretto con un vero professionista. Oggi riesco a suonare i pezzi che ho sempre sognato come "Giochi Proibiti" "La Bourèe", "La Cavatina" e "Feste Lariane".

[Simone Maglia - Pasticcere]








Le Lezioni di Chitarra Online di Davide Esposito sono una vera e propria svolta: oltre a perfezionarti e migliorarti in davvero poco tempo, ti permettono di avere costantemente sotto mano un vero e proprio repertorio da esibire in qualunque momento!

Davide è un professionista e sa cosa ti serve per migliorare davvero! OTTIMO!

[Davide Buonanno - Chitarrista]








Seguito dal Chitarrista classico Davide Esposito, apprendo con facilita tecniche e musica. Con i piccoli accorgimenti e suggerimenti che mi trasmette riesco a migliorarmi giorno per giorno. La professionalità e la capacita di suonare e di insegnare  lo strumento da parte di Davide, sono fuori discussione. Si lavora su tecniche di arpeggi, parte solista ed accordi con la massima tranquillità. Porgo un grosso saluto a tutti, con l'augurio di buone lezioni.

[Stefano Murgia - Vigile del Fuoco]






Allora, iniziamo? Clicca qui sotto e richiedi la Tua Sessione Strategica Gratuita



domenica 19 giugno 2011

Suonare la chitarra o fare musica?

Esiste secondo te una differenza tra "suonare la chitarra" e "essere un chitarrista"? Oppure "saper cantare" o "essere un cantante"? O ancora "Essere un bravo chitarrista" o "Essere un musicista"? 

Bene io personalmente sono molto più felice quando vengo etichettato come un "musicista", piuttosto che un "chitarrista". Qual è la differenza?
Il discorso non è poi così diverso da quanto già detto in un articolo precedente. Suonare uno strumento, un qualsiasi strumento, non è poi così difficile. Dico sul serio! Basta dedicare un po' di tempo ogni giorno, ovviamente con l'aiuto di un buon metodo di studio, metterci tanta passione, e i risultati presto o tardi tenderanno a concretizzarsi. 

Ma questo sarà sufficiente a fare della tua chitarra uno strumento di comunicazione?

Per realizzare certi risultati non sono sufficienti anni di studio! Si tratta di un qualcosa che nasce da dentro, dalle esperienze che acquisiamo, dalle scelte che sono dietro a ogni nota. Tutto ciò che provi, tutto ciò che pensi e che hai vissuto nelle tue esperienze musicali o addirittura di vita, nel momento in cui sei in totale simbiosi con il tuo strumento musicale, in qualche modo viene o "deve" fuoriuscire dal tuo strumento.

Questo dovrebbe essere sicuramente un punto di riflessione per chi suona a livello professionistico e di chi ha già ottenuto risultati discreti con la chitarra. Chi ha appena deciso di intraprendere questo viaggio ma è ancora a un livello basilare, probabilmente non riuscirà a cogliere a fondo questi frutti, ma di certo è un argomento che aiuta a comprendere le potenzialità che stanno dietro uno strumento come la chitarra.

In fin dei conti, se non fosse una chitarra si tratterebbe solo di un pezzo di legno con delle corde montate sopra. :-)

La musica è una forma d'arte, e come tale ha a che fare con la comunicazione. Per questo chi suona deve rendersi conto che non si sta limitando a leggere delle note, ma a interpretarle, sempre nel rispetto di ciò che la musica chiede (quest'ultima cosa è molto importante).

Quindi, vuoi imparare a suonare la chitarra o vuoi fare in modo che la chitarra sia uno strumento di comunicazione? Qualunque sia la tua scelta, è sempre un bene esserne consapevoli.

Come realizzare tutto questo?

Sinceramente se avessi la risposta pronta, a quest'ora non avrei neppure bisogno di scrivere un articolo in un blog :-) 

Intanto posso dirti che la mia vera crescita musicale è avvenuta solo dopo essermi diplomato a Conservatorio. Fino a quel momento non facevo che pormi l'obbiettivo dell'esame o semplicemente cercare di diventare bravo, e così facendo accumulavo semplicemente paura e ansia ad ogni mia esibizione, costringendomi a studiare e ristudiare la parte. 

Non cercare di suonare la chitarra, suona!

Spesso l'autodidatta ha il problema opposto. Magari è in totale sintonia con il suo strumento, ma purtroppo è limitato da un'ingenuità di base, che è quasi sicuramente di tipo tecnico. L'ideale è sicuramente un buon compromesso: studiare in modo tradizionale ma con la consapevolezza che ogni singola nota ha la sua importanza, addirittura quando eseguiamo dei semplici esercizi tecnici. 

La nostra personalità è un qualcosa di molto molto importante, e si deve riflettere in un modo o nell'altro nella nostra interpretazione; il bravo musicista è al pari di un bravo attore. A differenziarli è solo una diversa forma di comunicazione.

In conclusione, la differenza tra un chitarrista (o un pianista o un violinista o altro ancora) e un "musicista" è evidente.

Il chitarrista si limita ad eseguire un brano più o meno bene, il musicista conosce l'importanza di ogni singola nota e sa quindi come dare vita allo spartito. Il chitarrista suona la chitarra, il musicista usa la chitarra e le conoscenze che ha acquisito per esprimere sé stesso o la voce del compositore. Il chitarrista esegue scale a 200 bpm di metronomo, il musicista può anche farne a meno.

1 commento:

  1. ciao , ho 46 anni, frequento il cammino neocatecumenale ( realta' nella chiesa cattolica , da ottobre mi e' stato chiesto di svolgere il servizio di cantore. Il compito del cantore e' di comunicare e trasmettere uno spirito che coinvolga l'assemblea , anche perche' i canti sono salmi e brani dell'antico e del nuovo testamento .E' molto importante quindi non solo saper suonare la chitarra ma entrare nell'umilta' di questo servizio per gli altri , anche se chiaramente aiuta moltissimo chi lo fa e umanamente un po'lo gratifica .carlo

    RispondiElimina

I commenti volgari, offensivi o SPAM non verranno pubblicati.