giovedì 14 luglio 2011

Giochi Proibiti

Questo celebre brano è ormai un simbolo nel mondo della chitarra classica. Un po' come Stairway to Heaven tra le ballate Rock, Giochi Proibiti, è quel tipico brano che tutti i chtarristi classici dilettanti suonano o vogliono imparare a suonare e che i chitarristi professionisti hanno suonato per così tanto tempo da non poterne quasi più! (Lo dico con una certa ironia).

Ma quanti conoscono l'origine di questa semplicissima ma efficace melodia?

Nel 1952 il regista René Clement, realizzò un film che aveva per protagonisti 2 bambini colpiti dalle atrocità della guerra. Il titolo era Jeux Interdits (Giochi Proibiti). La colonna sonora era un aspetto molto importante per la sceneggiatura, e venne affidata alla chitarra di Narciso Yepes (1927 - 1997), celebre chitarrista spagnolo.

Per l'occasione, Yepes, che non aveva mai composto nulla, ma riprese alcuni brani già in voga tra cui "El Testament d'Amelia" di Miguel Llobet e un brano piuttosto conosciuto in Spagna con il nome "Romance, Anònimo", reintitolandolo per l'appunto "Giochi Proibiti". Yepes non fu dunque il compositore, nè volle spacciarsi tale, ma ciononostante a lui si deve il merito di aver contribuito alla grande fama internazionale del brano.

Ma qual è dunque la sua origine?

Prima di Narciso Yepes,
siamo a conoscenza di una pubblicazione del 1940 del chitarrista Vicente Gomez che la registrò come colonna sonora di un altro film holliwoodiano "Sangue e Arena" (1941). Il brano porta il nome di "Romance de Amor".


Ancora prima, nel 1931, l'allievo di Tàrrega, Daniel Fortea (1882 - 1953), pubblicò lo stesso pezzo con il titolo Romance Anònimo, stesso titolo con cui viene pubblicata una versione senza data attribuita a Miguel Llobet.


Insomma, a questo punto è difficile stabilire con certezza quale sia l'autore "originale".  

Forse, facendo un ulteriore salto indietro nel tempo, qualcosa può emergere!

Intorno al 1900 circa, unn chitarrista spagnolo vissuto in Argentina, Antonio Rubira, scrisse un brano intitolato semplicemente "Estudio" che guarda caso è proprio il nostro amatissimo "Giochi Proibiti" con la solita tonalità in Mi (minore, poi maggiore e poi nuovamente minore). Che sia lui l'originario autore di questa melodia così tanto popolare?

Per ora preferiamo dire di sì, ma di certo, se fosse ancora vivo, certo non si sarebbe mai aspettato che il suo semplice "Estudio" in Mi, magari scritto solo a scopo didattico, fosse divenuto nel giro di pochi decenni, quasi per fatalità, la Gioconda della Chitarra Classica.

Oltre a darti una breve infarinatura storica riguardo a una melodia che molti suonano senza porsi nessuna domanda riguardo alla sua origine, ho voluto stuzzicarti per farti riflettere su un mio personale quesito a cui non saprei dare una risposta: "Quanti e quali potranno mai essere i brani che meriterebbero la stessa popolarità, eppure riposano tra le pagine impolverate?"

La cosa che però più mi diverte, è immaginare che l'autore originario di questa melodia possa vedere tutto quello che c'è intorno alla sua composizione. E se potesse leggere questo articolo? Sono quasi certo che si farebbe una grossa risata alle nostre spalle! :-)


Ad ogni modo ti riporto qui sotto il video di "Giochi Proibiti" suonata da Narciso Yepes con le immagini tratte dal film omonimo Jeux Interdits. Inutile dirti che se non l'hai mai sentita, probabilmente hai vissuto finora in una caverna, isolato dal mondo! :-D

Lasciami i tuoi commenti, opinioni o domande.

Buon ascolto e soprattutto Buona Musica!



M°Davide


Se vuoi imparare anche tu a suonare la chitarra, e essere in grado di eseguire perfettamente questo bellissimo brano inserisci nome e mail qui sotto per scaricare le prime lezioni gratuite del Corso di Chitarra




 

0 note:

Posta un commento

I commenti volgari, offensivi o SPAM non verranno pubblicati.